APPALTI PUBBLICI

Il RUP nei Lavori Pubblici dopo il dl semplificazioni: funzioni e responsabilità

Presentazione

Anche alla luce del decreto semplificazioni (n.76, convertito con legge n.120/20), il RUP continua a costituire la figura nodale sulla quale il sistema punta per la realizzazione dei contratti pubblici, in specie di lavori. 

In tal senso, le semplificazioni portate avanti dal legislatore, anche da ultimo, con l'ampliamento dell'ambito dei poteri in deroga per la scelta del contraente e l'esecuzione dei lavori incide sensibilmente sulle aree da presidiare sotto il profilo della motivazione del provvedimento, per altro non costituendo più l'inazione idonea modalità per andare indenne da responsabilità. 

 Alla luce di tali presupposti, il corso vuole operare una ricognizione dei vecchi e dei nuovi ambiti in cui il RUP è chiamato ad operare, evidenziando i profili più delicati che implicano problemi nell'esercizio delle relative attività ed il supporto previsto a mezzo del rinnovato istituto de collegio consultivo tecnico. 

Relatore dell’incontro l’avv. Stefano de Marinis, tra i massimi esperti in materia, avvocato amministrativista e consulente di primarie amministrazioni e operatori economici. 

Programma

  • Ruoli, competenze e funzioni del RUP specificamente individuati nella programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione dei lavori pubblici e relativi ambiti residuali anche alla luce del decreto semplificazioni.
  • Il nuovo regime di responsabilità alla luce degli articoli 21 e 23 del decreto semplificazioni.
  • Interferenze con altre normative di riferimento: la semplificazione amministrativa e le valutazioni di performance organizzativa e gestionale dei dipendenti.
  • Relazioni con: il responsabile per la lotta alla corruzione; i vertici dell'Amministrazione di appartenenza; i tecnici ed i progettisti; la direzione lavori; i collaudatori; i deputati alla gestione della sicurezza; altre figure che intervengono in fase di esecuzione.
  • Requisiti soggettivi di nomina e residui ambiti di applicabilità della Linea Guida Anac 3.
  • Lo specifico ruolo del RUP nel caso di ricorso e/o utilizzo di centrali di committenza e strumenti aggregativi della domanda.
  • La gestione delle gare senza bando.
  • La consegna lavori anticipata e l'erogazione dell'anticipazione in pendenza del contratto
  • Modifica oggettive e soggettive dei contratti durante il periodo di efficacia.
  • Il rinnovato istituto del Collegio consultivo tecnico.
  • Il RUP nel caso di ricorso alle centrali di committenza o ad altre forme di committenza aggregata. 

Cosa serve

Qualche giorno prima degli incontri saranno fornite le credenziali per accedere alla nostra piattaforma di formazione a distanza. 

Per il partecipante è indispensabile dotarsi solo di: un collegamento internet veloce; casse o cuffie. 

Requisiti di sistema: Piattaforma GoToWebinar 

Per qualsiasi informazione o dubbi di natura tecnica contattare la segreteria organizzativa.

Quando e Come

📅 19 maggio 2021

💻 Formazione a distanza Ore: 9:15 – 13:45

Costo

300,00 Euro + IVA (se dovuta)

Condizioni agevolate sono previste per i piccoli Comuni (con popolazione inf. a 8.000 abitanti). Contattare la segreteria

Vuoi partecipare?

La formazione continua oltre l'evento!

 In caso di iscrizione almeno 20 giorni prima del seminario sarà attivato, per ciascun partecipante, l'abbonamento annuale telematico alla nostra rivista Mediappalti: un utile strumento per continuare la vostra formazione e rimanere aggiornati sulle più importanti novità normative.

© Copyright 2020 Mediaconsult Srl| Privacy | Cookie